Workshop Educazione, creatività e partecipazione per imparare e divenire cittadini

Praticare la democrazia nelle scuole e nelle organizzazioni di volontariato: due workshop formativi
 
Il Centro servizi per il volontariato di Messina propone due incontri pomeridiani di formazione sul tema Educazione, creatività e partecipazione per imparare e divenire cittadini. I workshop si terranno lunedì 19 e martedì 20 dicembre dalle 15:00 alle 19:00 nell’aula magna del dipartimento Cospecs dell’Università di Messina, via Concezione 6.
I lavori di lunedì 19 si svolgeranno nella modalità del World Cafè, che ha l’obiettivo di ampliare le possibilità dei partecipanti di intervenire e confrontarsi sul tema scelto. In questo caso si ragionerà sulle pratiche di educazione alla cittadinanza vissute nelle scuole e nelle associazioni di volontariato: a partire dalle sollecitazioni offerte dai conduttori, studenti del corso di laurea magistrale in Scienze pedagogiche coordinati da Salvatore Rizzo e Tiziana Tarsia, i partecipanti discuteranno in piccoli gruppi di fronte a un caffè, usando dei pennarelli per annotare le loro parole chiave e i loro pensieri. I risultati ottenuti nei gruppi saranno rielaborati in plenaria. Nel corso della giornata sarà ricordato Andrea Canevaro, pioniere in Italia dell’educazione inclusiva scomparso nel maggio 2022. Ai partecipanti sarà offerta copia del libro Corporeità. Pratiche educative nell’incontro con i corpi in crescita, frutto delle iniziative formative della Lude (Libera università dell’educare) che ha strutturato la proposta seminariale e festeggia così il suo decimo compleanno.
Martedì 20 Michele Gagliardo rilancerà le conclusioni del World Cafè per dare avvio al secondo seminario. Centro del pomeriggio sarà la proposta didattica di Mario Lodi (1922-2014) di cui ricorre il centenario dalla nascita. Si partirà da due libri: Mario Lodi albero maestro, una raccolta di saggi e testimonianze curata da Carlo Ridolfi (Franco Angeli) e Mario Lodi. Pratiche di libertà nel paese sbagliato, un graphic novel di Diego Di Masi, Alessio Surian e Silvio Boselli (BeccoGiallo). La discussione con gli autori presenti sarà innescata dalle sollecitazioni di Dario De Salvo, Maura Tripi e Vincenzo Schirripa per poi allargarsi a tutti i partecipanti. A Mario Schermi il compito di trarre le prime conclusioni sulle possibili e opportune pratiche educative.
Partner del Cesv nella realizzazione della proposta formativa sono l’Ufficio scolastico regionale della Sicilia – Ambito VIII di Messina, il dipartimento Cospecs dell’Università di Messina, il coordinamento siciliano dell’associazione Libera, la Libera Università dell’educare, il Movimento di cooperazione educativa, la Rete di cooperazione educativa, la Comunità di ricerca Educazione aperta. Gli incontri sono in presenza, è possibile ascoltare a distanza i momenti in plenaria solo ad alcune tipologie di utenza: docenti, volontari e operatori sociali che non abitano o lavorano a Messina; contattare gli organizzatori per ulteriori informazioni. Per iscriversi è necessario compilare il form accessibile al link forms.gle/bKUFtGJsQj6PJdJN6.
 
Le giornate di formazione sono il primo appuntamento di un ciclo di 5 che Libera in Sicilia dedica al tema “Senza le mafie è possibile: per una educazione civile fondata sulla giustizia”. Il ciclo di seminari e di laboratori offre la possibilità ai docenti che si iscrivono sulla piattaforma Sofia di ottenere i crediti formativi. ll corso sulla piattaforma potrà essere rintracciato con i seguenti codici: codice iniziativa formativa 78788  codice edizione 116238
 

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti